sabato 21 maggio 2016

XXIX Salone internazionale del Libro di Torino: ho messo in valigia…

Se sei allergica alla folla, al vociare, ai volantini che ti perseguitano pure in bagno, alle file interminabili per un caffè, al costo esagerato per una bottiglietta d’acqua, all’effetto IKEA in una piovosa domenica pomeriggio… il Salone del Libro di Torino non fa per te. Quindi, vi starete chiedendo, perché continui a tornarci ogni anno?
Perché, lagne a parte, porto sempre a casa qualcosa di bello.
 
Paco Ignazio Taibo II racconta il suo "A quattro mani", La nuova frontiera.
Momenti belli:
üLa cenetta in zona San Salvario, a due passi dalla Libreria Trebisonda, con gli amici romani del gruppo di lettura del Klamm. Mi confronto con Simona sullo stile di Jan Brokken, che a me è piaciuto tantissimo e a lei un po’ meno. Intanto Irene parla di editori che non pagano e di piccoli editori dal grande potenziale e Laura non la smette più di elencare progetti volti alla promozione della lettura. Il babbo di Fabio cena in silenzio, ma ci osserva attentamente. Quante volte avrà voluto zittirci tra una forchettata di pasta e un goccio di vino rosso.
ü) Incontrare gli scratch readers senza l’incubo di skype che cade, abbandonandoci nel bel mezzo di una discussione sull’orizzontalità del racconto rispetto alla verticalità del romanzo (concetto che mi è rimasto oscuro).  
ü) Camminare per le vie di Torino con un’amica che non vedevo da anni. Leccare un gelato e parlare fino a notte fonda.
üCorrere sul Lungo Po mentre Torino sonnecchia ancora.
ü) Visitare il Museo Egizio. Il fascino irresistibile delle mummie dopo gli schiamazzi delle scolaresche nel Bookstock Village.
üPaco Ignazio Taibo II alle 9.00 di mattina che trascina due enormi valigie nella stazione di Torino Porta Nuova. “Buongiorno! Che onore poterla ascoltare ieri pomeriggio. È stato meraviglioso”. Lui che si mette la mano sul cuore e ringrazia, dicendo di esser incantato da tanto calore. Io che salgo sul treno con gli occhi a cuoricino.
üL’entusiasmo di Giulia Zavagna mentre traduce le parole del boliviano Rodrigo Hasbùn. Uno che dichiara di aver scritto seguendo la logica del silenzio per lasciar più spazio all’immaginazione del lettore non puoi non comprarlo e leggerlo.
Fabio Geda presenta "I jeans di Bruce Springsteen" di Silvia Pareschi  
üL’incontro con Silvia Pareschi. Lei che mi presenta suo marito mentre io mi chiedo: “Ma sto davvero chiacchierando con la traduttrice di Franzen?”.
ü) Fabio Geda che, presentando I jeans di Bruce Springsteen di Silvia Pareschi, racconta di quando copiava intere pagine di Fenoglio, per la gioia di riscrivere brani altrui che ci hanno emozionato (io sorrido felice: non sono l’unica pazza).
ü) Scoprire piccole realtà editoriali come Edicola, una casa editrice abruzzese che pubblica tra l’Italia e il Cile; oppure Cliquot edizioni, che ripropone Riso nero di Sherwood Anderson in una nuova traduzione.
ü)  Trovare i tipi dell’Orma allo stand della Sur che pubblicizzano (e vendono) libri provenienti dall’America Latina. Quei geni di Exòrma se le inventano tutte pur di dimostrare la sinergia e la ricchezza (spirituale) che caratterizza gli editori indipendenti. Questa volta, la mente perversa di Silvia Bellucci, ufficio stampa di Exòrma, ha partorito Editori in scambio: un’iniziativa straordinaria che a me è piaciuta tantissimo.
üIl viaggio di ritorno. Iniziare a chiacchierare con la signora accanto che sta leggendo Il posto di Annie Ernaux. Si scoprono tante di quelle affinità da diventare amiche strada facendo.


L'appartamento della casa editrice NN al Salone di Torino

Ora Torino sembra lontanissima: i libri, la gente, le occasioni mancate, le osservazioni sul futuro dell’editoria e sull’Italia che non legge. Ma lascio ad intellettuali e sociologi le disquisizioni sui grandi temi. Dopo tanta confusione, mi ritiro nel silenzio delle mie stanze. 

Bottino torinese

11 commenti:

  1. Cavoli quanti libri hai preso! Comunque, non è che Brokken non mi è piaciuto, è solo che penso che una raccolta così avrebbe dovuto essere più armonica e meno disarticolata... Ne riparliamo a Giugno ❤ Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scritto “un po’ meno” intendendo “a me è piaciuto un casino, a lei è piaciuto”. Poi, rileggendomi, ho capito si potesse fraintendere. Basterà leggere questi commenti per dissipare ogni dubbio. E poi ci sarà un tuo post per approfondire.
      A me è piaciuta la sensazione di anime fluttuanti e una raccolta omogenea avrebbe dissipato la poesia della scrittura di Brokken in Anime baltiche. Spero di ritrovare le stesse suggestioni anche Nella casa del pianista, che trovi nel mucchietto di libri portati a casa. A presto.

      Elimina
    2. Ops mi avevi risposto e come al solito non ho flaggato per ricevere la notifica! Quando scrivo il post ti avverto! <3 buona giornata mia cara!

      Elimina
  2. Meno male che ci sono le foto, io ero così fusa che non mi ricordo niente :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Sembravi a tuo agio, come se nella vita non facessi altro che parlare in pubblico.

      Elimina
  3. orpo che bottino!e Silvia com'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia è come nel suo blog, stessa spontaneità, stessa freschezza, una bella risata squillante.
      Pensa che son stata capace di pentirmi per non aver acquistato almeno altri tre titoli. Sono affetta da malattia grave e incurabile. Tutto ciò che non spendo in abbigliamento lo butto in carta. Scelta molto poco ecologica.

      Elimina
  4. Che bello leggere questo post! Ma, chiedo, hai dovuto comprare uno zaino supplementare per il rientro con bottino di libri acquistati? Goditeli, e buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai giro sempre con una borsina di riserva. Però, sì, son tornata con un discreto mal di schiena.

      Elimina
  5. Quanta vita, quanta storia, quante storie, quanta Torino ... bello bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!! Detto poi da una sognatrice affetta da lusitanitudine, il complimento fa ancora più piacere!

      Elimina

Il tuo commento sarà visibile dopo l'approvazione.